Ennio Morricone - Rimini 2012

Morricone in concerto a Rimini

Concerto di musica per film

Ennio Morricone a Rimini – La bellezza ci salvera’

Ennio Morricone - Rimini 2012Rimini, agosto 2012

In questo video di 15 minuti e’ possibile respirare il clima che precede il concerto e riascoltare alcuni dei temi piu’ celebri del Maestro.

♦ Le prove. ♦ Mission. ♦ Ostinato ricercare per un’immagine. ♦ C’era una volta in America. ♦ Canone Inverso. ♦ Nuovo Cinema Paradiso. ♦ Queimada (Abolição). ♦ Il buono, il brutto, il cattivo…

Correlati:

 

Le origini

Le origini

Raccolta di brani strumentali scritti tra il 1990 e il 2007.

Musiche composte, arrangiate ed eseguite da Luciano Lombardi

Vuoi metterti alla prova? Vediamo quanti di questi brani sai riconoscere sottoponendoti a questo quiz.

Collage - Luciano Lombardi

Collage

Album di brani strumentali, del 2006.

AscoltaCopertinaInfo
Brani strumentali composti, arrangiati ed eseguiti da Luciano Lombardi

Collage - Luciano Lombardi

 

Innamoramento e amore

Innamoramento e amore

dal saggio best-seller
di Francesco Alberoni

Ho raccolto in questa pagina alcuni dei passaggi piu’ significativi della celebre pubblicazione di Francesco Alberoni. Un libro assolutamente da leggere!

Quando siamo innamorati non possiamo raggiungere e tenere lo stato di tranquillità serena. Il nostro amore non è nelle nostre mani, ci trascende, ci trascina e ci costringe a mutare. Per riuscire a trasformare questa cosa in serenità quotidiana occorre distruggerla. E molte persone, uomini e donne, non hanno pace fino a che non hanno trasformato l’essere splendente del loro amore in qualcosa di controllabile, circoscritto, definito. Tutto ciò che serve per raggiungere l’amato e farsi amare da lui è essenziale. Il resto non conta nulla. E’ molto bello mangiar bene se fa piacere all’amato, ma da soli non ce ne importa nulla. Per incontrare lui, per stare con lui, siamo disposti a fare viaggi più faticosi, a non mangiare e a non dormire, e non ci costa fatica, anzi siamo felici e tutte le cose che nella vita quotidiana ci sono insopportabili le facciamo senza accorgercene. Ciascuno dà secondo le sue possibilità e ciascuno riceve secondo i suoi bisogni. Non c’è nessuna contabilità fra ciò che do e ciò che ricevo. Ciascuno fa all’altro dei doni: le cose che gli sembrano belle, qualcosa che parli di sé, che lo ricordi all’amato. Ma anche cose che piacciono all’altro, che l’altro ha nominato o ha guardato. Il dono spesso è un atto improvviso, un gesto spontaneo che simbolizza il dono di sé, la propria disponibilità, totale. Ma il dono non aspetta un altro dono, non aspetta di essere ricambiato. Facendo il dono il conto è subito pari: basta che l’altro lo apprezzi, che sia contento. La gioia dell’altro vale più di qualsiasi oggetto. Così fra i due c’è un farsi dei doni, ma senza scambio. Quando incomincia una contabilità dei doni, un “io ti ho dato e tu no” allora l’innamoramento sta per finire. Quando ciascuno esige contabilità, del dare e dell’avere, allora è finito completamente. (…)

Quando una persona si innamora di un’altra suscita sempre in lei un risveglio, una, emozione. Chi ama tende a trascinare l’amato nel suo amore. Se anche l’altro è disposto all’innamoramento ne può nascere un incontro e addirittura un innamoramento.
Può però avvenire che l’altra persona abbia già qualcuno che le interessa ed allora la poesia d’amore dell’innamorato risveglia sì il suo amore, ma per l’altro. Essa viene trasportata su un piano superiore di sentimenti, ma il destinatario di questi sentimenti non è chi li ha evocati. (…)

Anche se lo si desidera intensamente, non ci si può innamorare. Però, se lo si vuole, si può fare innamorare qualcuno di noi perché si trova sempre chi è preparato all’innamoramento, pronto a gettarsi nel tutto e nel nulla di una vita nuova. Ciò è possibile se, nel momento adatto, una persona si presenta a lui mostrandogli che lo capisce in profondità,, se si dichiara disposta a condividere con lui il rischio del futuro restandogli accanto spalla a spalla, dalla sua parte, per sempre.
Qualunque persona può far innamorare un’altra che attendeva la chiamata se gli fa udire la voce che lo chiama per nome e gli dice che il suo tempo è venuto. (…)

L’innamoramento è un succedersi di prove. Innanzitutto quelle che poniamo a noi stessi. Essere innamorati è anche un resistere all’amore, un non voler cedere al rischio esistenziale del mettersi completamente nelle mani dell’altro. Noi perciò cerchiamo la persona amata, ma desideriamo anche di farne a meno. Spesso, nei momenti di felicità, ci diciamo “ecco che ho raggiunto il massimo che mai potrò ottenere, ora posso perderla e tornare così come ero portandone con me solo il ricordo; ho ottenuto quanto ho voluto, ora basta”. Ottenere il massimo possibile e poi farne a meno, questa è la fantasia della sazietà. In un certo senso riusciamo ad abbandonarci totalmente solo perché pensiamo che quella sia l’ultima volta. In tal modo però ci mettiamo alla prova perché, dopo il distacco, ci accorgiamo che il desiderio ritorna e che continuiamo ad amare, a desiderare disperatamente e abbiamo bisogno di un’altra “ultima volta”. E l’ultima volta” diventa così un nuovo inizio e la necessità di un nuovo inizio. Negli atti dell’altro cerchiamo le prove che ci ama.; prima che sulle margherite, il “m’ama, non m’ama” è cercato nei comportamenti dell’altro: “se fa così vuol dire che… se non fa così vuol dire che…” Ma il significato non è mai limpido. Può arrivare in ritardo trafelato, e cosa significa? Che si era dimenticato di me oppure che ha fatto fatica ad arrivare da me e perciò il suo ritardo è una prova d’amore? D’altra parte, anche quando la prova è negativa basta una sua spiegazione, un suo sguardo, una sua carezza per farcela dimenticare, per rassicurarci. (…)

Se la gelosia appare nell’innamoramento, allora significa che uno dei due, in realtà, non vuol innamorarsi o non è innamorato. La gelosia è scoprire che l’amato dipende, per la realizzazione dei suoi desideri, da qualcosa che un altro possiede e noi no; che l’altro, non noi, dispone di qualcosa che ha valore per lui. Se questo qualcosa per lui è importante e se quella persona gli è indispensabile, se preferisce lui a me, allora vuol dire che non mi ama. Avrà affetto per me, tenerezza, gli piacerà la mia compagnia, ma non mi ama. L’innamorato, dapprima cercherà di lottare, di conquistarlo col fascino, col canto, con ogni cura e dedizione, cambiando se stesso in ogni modo ma, quando ha capito che l’altro non l’ama, non può che impugnare la spada del distacco. La forza che gli resta gli consente di tagliarsi le mani che si protendono verso l’amato, di accecarsi gli occhi che lo cercano ovunque. A poco a poco, per non desiderare chi ha amato, dovrà trovare in lui ragioni per disinnamorarsi, dovrà cercare di rifare ciò che ha vissuto investendo di odio tutto ciò che è stato. L’odio sarà il suo tentativo di distruggere il passato, ma è un odio impotente. (…)

Come facciamo a sapere che siamo innamorati ? Perché ci innamoriamo di nuovo, perché ci ri-innamoriamo continuamente della stessa persona. Quando siamo innamorati ci sono dei periodi in cui abbiamo l’impressione che non ci importa nulla di quella persona. Vogliamo farne a meno, talvolta la incontriamo e non ci dice nulla, ci è indifferente. Poi ci riappare. Quel viso indifferente diventa l’unico viso, quella voce l’unica voce; la sua mancanza diventa intollerabile, la sua presenza una gioia infinita. Tutto di lei ci commuove, tutto di lei è nostalgia e appagamento. (…)

Perle di saggezza

Perle di saggezza

Anonimo

1. Da’ alla gente più di quanto si aspetta e fallo con amore1 Give people more than they expect, and do it cheerfully
2. Impara a memoria le tue poesie preferite2 Memorize your favorite poem
3. Non credere a tutto quello che senti, trattieni ciò che ti colpisce e dormici sopra3 Don’t believe all you hear, don’t spend all you have, don’t sleep all you want
4. Quando dici “Ti amo”, pensaci4 When you say “I love you”, mean it
5. Quando dici “Scusami”, guarda la persona negli occhi5 When you say “I’m sorry”, look at the person in the eyes
6. Convivi almeno sei mesi prima di sposarti6 Be engaged at least one year before you get married
7. Credi nell’amore a prima vista7 Believe in love at first sight
8. Non ridere dei sogni di nessuno8 Never laugh at anyone’s dreams
9. Ama profondamente e con passione. Potrai soffrirne, ma e l’unico modo per vivere pienamente la vita9 Love deeply and passionately: you might get hurt, but it’s the only way to live life completely
10. Nel disaccordo colpisci leggermente. Non coinvolgere nessuno10 In disagreements, fight fairly: no name calling
11. Non giudicare nessuno in base ai suoi parenti11 Don’t judge people by their relatives
12. Parla piano, ma pensa rapidamente12 Talk slow, think quick
13. Telefona a tua madre e se l’hai persa ogni tanto dille una preghiera13 Call your mom
14. Di’ sempre “Salute!” quando senti qualcuno starnutire14 Say “bless you” when you hear someone sneeze
15. Quando sei stato sconfitto non dimenticare la lezione15 When you lose, don’t lose the lesson
16. Tre “R”: Rispetto di se stessi. Rispetto degli altri. Responsabilità di tutte le tue azioni16 Three Rs: Respect for self, Respect for others, Responsibility for all your actions
17. Non lasciare che un piccolo litigio rompa una grande amicizia17 Don’t let a little dispute injure a great friendship
18. Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fa’ un passo indietro18 When you realize you’ve made a mistake, take immediate steps to correct it
19. Quando rispondi al telefono sorridi. Chi chiama lo capirà dalla voce19 Smile when picking up the phone: the caller will hear it in your voice
20. Sposa qualcuno con cui ami parlare. Quando diventerai vecchio, conversare sarà più importante di ogni altra cosa20 Marry the person you love to talk to: as you get older, his/her conversational skills will be as important as any other
21. Ritagliati del tempo per passarlo da solo21 Spend some time alone
22. Apri le tue braccia ai cambiamenti, ma non dimenticarti dei tuoi valori22 Open your arms to change, but don’t let go off your values
23. Il silenzio è talvolta la migliore risposta23 Silence is sometimes the best answer
24. Leggi più libri e guarda meno televisione24 Read more books and watch less TV
25. Vivi una buona, onorevole vita. Quando sarai vecchio e penserai al passato, starai bene una seconda volta25 Live a good, honorable life: when you get older and think back,
you’ll get to enjoy it a second time
26. Credi in Dio, ma chiudi a chiave la tua auto26 Trust in God but lock your car
27. Un’atmosfera d’amore nella tua casa è importante. Fa’ di tutto per creare una tranquilla e armoniosa famiglia27 A loving atmosphere in your home is so important: do all you can to create a tranquil harmonious home
28. Nei litigi con chi ami, parla del presente e non rivangare il passato28 In disagreements with loved ones, deal with the current situation: don’t bring up the past
29. Sappi leggere tra le righe29 Read between the lines
30. Coltiva la conoscenza. E’ la chiave per l’immortalità30 Share your knowledge: it’s a way to achieve immortality
31. Sii gentile con la Terra31 Be gentle with the Earth
32. Prega: questa azione ha un incommensurabile potere32 Pray: there’s immeasurable power in it
33. Non interrompere mai chi ti sta adulando, ma domandati dove vuole arrivare33 Never interrupt when you are being flattered
34. Pensa agli affari tuoi34 Mind your own business
35. Non fidarti di chi ti bacia con gli occhi aperti35 Don’t trust someone who doesn’t close the eyes while kissing
36. Durante l’anno, dedica un po’ di tempo alle cose che non hai mai fatto36 Once a year, go someplace you’ve never been before
37. Se fai una montagna di soldi, usali per aiutare gli altri mentre sei vivo. E’ la piu grande soddisfazione che può dare la ricchezza37 If you make a lot of money, put it to use helping others while you are living: that is wealth’s greatest satisfaction
38. Non ottenere quello che desideri è talvolta una grande fortuna38 Not getting what you want is sometimes a stroke of luck
39. Impara tutti i ruoli e poi abbandonane alcuni39 Learn the rules, then break some
40. La migliore relazione è quella in cui l’amore che dai è più grande di quello che ricevi40 The best relationship is the one where your love for each other is greater than your need for each other
41. Giudica i tuoi successi dagli sforzi che hai fatto per raggiungerli41 Judge your success by what you had to give up in order to get it
42. Il tuo carattere è il tuo destino42 Your character is your destiny
Di stanze - Copertina - Luciano Lombardi

Di stanze

Libro di narrativa con raccolta di racconti originali

Di stanze - Copertina - Luciano Lombardi di Luciano Lombardi

“Se non esistessero le stelle,
il cielo non sarebbe cosi’ romantico di notte
e i nostri occhi non saprebbero dove cercare
il sentiero che conduce ai sogni.
Senza di questi, l’uomo non avrebbe mai imparato a volare;
non sarebbero mai state scritte le favole…
e noi, non ci saremmo mai incontrati.”

Presentazione e intervista di I. Petri

1. Questo libro ha un titolo molto interessante; e’ un gioco di parole “Di stanze”. Come ti e’ venuto in mente il titolo?

L’idea del titolo e’ nata dal desiderio di voler racchiudere in due parole un tema ricorrente nei racconti del libro, e cioe’ quello della lontananza che spesso viene a crearsi tra le persone, non soltanto dal punto di vista fisico.

2. Sono i primi racconti che hai pubblicato come autore?

Diciamo che e’ stata la mia prima esperienza di questo tipo anche se mi e’ sempre piaciuto scrivere, fin dai tempi della scuola media, quando spesso il professore di lettere leggeva i miei racconti a tutta la classe con grande divertimento di tutti.

3. Cosa ti ha spinto a scrivere questo libro?

E’ stato un esperimento, un “capriccio” che mi sono voluto concedere: volevo raccogliere insieme pagine scritte in diversi momenti della mia vita e che potessero parlare di me senza che fossi io a farlo in prima persona. Se e’ vero che in molti casi si scrive per se stessi, credo anche che ad un certo punto si senta la necessita’ di condividere i propri pensieri anche con altri. In questo piccolo lavoro ho voluto mettere a fuoco due temi a me molto cari, presentandoli dal mio punto di vista: l’amore e l’amicizia. Ecco, se qualcuno mi chiedesse di descrivere questi due sentimenti, probabilmente la risposta migliore la troverebbe leggendo questi miei scritti.

4. C’e’ tanta poesia fra questi racconti – l’hai scritta mentre scrivevi il libro, oppure l’hai inserita dopo?

Intanto ti ringrazio per averla definita “poesia”: in realta’ in molti casi si tratta di spunti ed idee preesistenti che ho voluto impiegare come “ponte” tra una fase e l’altra dei vari racconti. In altre circostanze, invece, ho preferito usare la forma “poetica” invece della prosa per esprimere certi pensieri in maniera piu’ incisiva.

5. Da dove hai preso ispirazione per creare i personaggi nel primo racconto; i nomi riflettono in qualche modo il carattere dei personaggi, o sono stati scelti con un’altra intenzione?

Anche se qualche spunto e’ stato preso dalla realta’ di qualche esperienza vissuta, nel primo racconto ho voluto giocare molto con la fantasia: e’ stato davvero semplice assecondare la liberta’ creativa e man mano che la storia prendeva forma sembrava quasi di raccontare qualcosa di realmente accaduto.
La figura di Principe, oltre a rappresentare il protagonista maschile della storia, voleva essere al tempo stesso il ritratto di un modello di gentilezza e nobilta’ che ho assimilato nel corso degli anni, specialmente con riferimento al periodo del romanticismo. In qualche modo volevo far rivivere un personaggio che, al contrario della moda dei tempi in cui ci troviamo, potesse dare voce a quei modi cortesi che probabilmente stiamo perdendo di vista.

6. Pensi che questi racconti rispecchiano un po’ le tue esperienze vitali oppure hai voluto creare una certa distanza tra te come autore ed il testo?

Ci sono senz’altro riferimenti a reali esperienze di vita che spesso costituiscono degli interessanti spunti per sviluppare una storia. Nel caso dell’ultimo racconto invece, “Dedicato alla mia migliore amica”, si tratta di un vero e proprio diario che risale ai tempi dell’universita’.

7. Pensi che la fine di un racconto d’amore, soprattutto triste, possa avere un effetto piu’ forte sui tuoi lettori?

Credo che l’effetto dipenda dalle esperienze vissute da chi legge: se ci si identifica con i personaggi o i fatti narrati, il coinvolgimento e’ maggiore.

8. Qual e’ il messaggio generale/centrale che hai voluto trasmettere attraverso le poesie, le lettere, ed i rapporti che hai messo davanti al lettore?

Senz’altro ho voluto sottolineare l’importanza dei sogni, cosi’ come riassunto nei versi introduttivi: i sogni ci permettono di muoverci verso la meta che inseguiamo; ci regalano un’altra faccia della realta’.

Di stanze - Luciano Lombardi